Il cantautore ricorda in questo brano di come in alcuni campi di concentramento, mentre le vittime venivano indotte nei forni crematori, un quartetto d'archi composto da alcuni prigionieri veniva costretto a suonare brani di musica classica.

NON UNA DI MENO, L’ARCI ROMA ADERISCE ALLA MANIFESTAZIONE DEL 26 NOVEMBRE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE. Il 26 novembre a Roma, alle ore 14:00 a Piazza della Repubblica, si terrà la manifestazione nazionale #nonunadimeno contro la violenza sulle donne... Leggi

“Ddl Terzo Settore: giudizio complessivamente positivo sul testo approvato. Nella stesura dei decreti di attuazione il governo consulti le organizzazioni sociali” Dichiarazione di Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci Il Ddl sul Terzo Settore... Leggi