Il cantautore ricorda in questo brano di come in alcuni campi di concentramento, mentre le vittime venivano indotte nei forni crematori, un quartetto d'archi composto da alcuni prigionieri veniva costretto a suonare brani di musica classica.

NON UNA DI MENO, L’ARCI ROMA ADERISCE ALLA MANIFESTAZIONE DEL 26 NOVEMBRE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE. Il 26 novembre a Roma, alle ore 14:00 a Piazza della Repubblica, si terrà la manifestazione nazionale #nonunadimeno contro la violenza sulle donne... Leggi