Riprende il progetto di Pianeta Sonoro dedicato ai senza dimora che ha coinvolto la rete dei circoli di Arci Roma

Presto ci sarà un’assemblea per confrontarsi sul progetto ma intanto Akkittate ritorna in strada «continuiamo ad essere comunità! – avvertono gli attivatori di questa esperienza nata nel circuito di ArciRoma messo in rete dal circolo Pianeta sonoro – l’idea è quella di cominciare portando un saluto ai nostri amici in strada. Ci piacerebbe essere in tanti, per contarci, confrontarci e condividere con voi i nostri progetti! L’idea è di uscire mercoledì sera per distribuire the caldo e biscotti.
Quello che vi chiediamo è di portare con voi la voglia di aiutare e ascoltare, poi se volete e ne avete la possibilità, anche biscotti e coperte da distribuire il giorno stesso».

Per diventare volontario c’è da compilare questo modulo. L’appuntamento è a Pianeta Sonoro, mercoledì 3 novembre alle 20.30 in via Casilina 196/a.

Akkittate! è un progetto di mutuo soccorso che fornisce assistenza e ristoro ai senza fissa dimora, con l’obiettivo di fornire il sostegno necessario a sviluppare opportunità di reinserimento nella società. Il contatore, dopo la prima fase di progetto spiega che 6400 sono i pasti distribuiti da 250 volontari e 30 realtà in rete. 500 le persone aiutate nella difficilissima fase segnata dall’irruzione della pandemia nella vita delle persone più deboli della nostra città. Il progetto è stato uno dei modi con cui il mondo di Arci Roma, con i circoli chiusi per covid ma anche con le possibilità di accoglienza limitate dalla pandemia, ha voluto partecipare all’ondata di mutualismo solidale che ha visto protagonista il terzo settore e l’associazionismo. Akkitate Arci Connection è stata la raccolta presso i circoli di Roma di cibo, vestiti, coperte, generi di prima necessita poi distribuiti ai senza fissa dimora.

Tutte e tutti possono partecipare anche solo con una donazione di materiali, alimenti o denaro. L’attività di volontariato si divide in diverse attività di gruppo: organizzazione di magazzino con i beni raccolti, la distribuzione di quanto raccolto e preparato in precedenza, attività di mercatino solidale, aiuto in cucina, attività di raccolta cibo, pronto intervento, accoglienza e organizzazione.  Tutte le attività, ovviamente, vengono svolte in totale sicurezza e rispettando le norme Covid-19.