Il cantautore ricorda in questo brano di come in alcuni campi di concentramento, mentre le vittime venivano indotte nei forni crematori, un quartetto d'archi composto da alcuni prigionieri veniva costretto a suonare brani di musica classica.